Quattro interludi marini - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Quattro interludi marini

Ascolto musicale > Ascolto sec. XX > Britten
Benjamin Britten
(1913-1976)
Compositore inglese

QUATTRO INTERLUDI MARINI
(1945)
Molto attivo in ambito teatrale, Britten ottenne i maggiori successi proprio in questo campo scrivendo le opere "Peter Grimes" e "Il Giro di  vite". Tra le composizioni strumentali più importanti troviamo "Variazioni e fuga su un tema di Purcell - Guida del giovane all'orchestra" (descrizione dettagliata in questo sito: "Cl@sse 2.0 MUS" -> "Ascolto 2.0" -> "Guida del giovane all'orchestra"), "Sinfonia da Requiem" (dedicata alla memoria dei genitori), "Variazioni su un tema di Frank Bridge" (dedicata al suo primo maestro di musica). 
Influenzato dalla musica di Igor Stravinskij e dalle rarefatte atmosfere dell'impressionismo francese, riuscì ad imprimere uno stile fortemente personale a tutta la sua produzione toccando livelli di sublime intensità espressiva nei "Quattro interludi marini".

Si tratta di quattro brani strumentali tratti dall'opera lirica "Peter Grimes" in cui il musicista inglese riesce a realizzare un affresco sonoro carico di forti accenti espressivi. I brani si succedono senza soluzione di continuità descrivendo musicalmente quattro episodi: "L'alba", "Domenica mattina", "Chiaro di luna", "Tempesta". 
In questa composizione Britten utilizza sapientemente la tavolozza orchestrale dosando e mescolando con maestria i colori strumentali a sua disposizione. Ne risulta un'opera straordinariamente coinvolgente in cui sembra quasi di intravedere le gesta del crudele pescatore Peter Grimes, protagonista dell'opera lirica da cui è tratta la musica. 


Video tratto da: https://www.youtube.com/watch?v=ht9mQE6X0C0
      
Torna ai contenuti | Torna al menu