Punto e legatura - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Punto e legatura

Linguaggio musicale > Notazione ritmica

Osserviamo con attenzione il brano riportato qui sotto:



Il brano comprende, alla fine di ogni riga, una minima con un punto posto a destra della nota stessa.


Quel simbolo, il Punto di valore, prolunga il suono della nota per la metà della sua durata.
La Minima
da 2/4, 2 battiti del metronomo, con il Punto di valore si trasformerà in una nota da 3/ 4, 3 battiti, proprio per effetto di questo elemento musicale, che ne prolunga la durata della metà.



Otterremo lo stesso risultato ponendo il punto di valore accanto a qualsiasi altra figura musicale. Ad esempio, la semibreve, del valore di 4/4, 4 battiti del metronomo, con il punto acquisirà una durata uguale al suo valore, 4/4 (4 battiti), con l'aggiunta della metà del valore stesso, 2/4 (2 battiti):



La durata di un suono musicale, tuttavia, può essere prolungata anche attraverso un altro segno: la LEGATURA DI VALORE. Questo nuovo simbolo a forma di archetto, posto sopra o sotto la testa di due o più note di uguale altezza, ne somma le rispettive durate in un unico suono.



Nel primo esempio, il suono Do minima, per effetto della legatura di valore, viene sommato al suono Do semiminima, dando vita ad una nota Do del valore di 3/ 4 (3 battiti del metronomo). Ciò è possibile in quanto le due note, essendo due Do, hanno, appunto, la stessa altezza.
Nel secondo esempio, le note legate sono tre: un Sol semibreve (4/4 o 4 battiti), un Sol minima (2/4 o 2 battiti), un Sol semiminima (1/ 4 o 1 battito).
Anche in questo caso la durata complessiva del suono nasce dalla somma dei valori delle tre note.

Riflettiamo ora sull'attendibilità della seguente affermazione:
Quando la legatura di valore somma ad una nota un'altra nota che corrisponde esattamente alla metà del valore della prima, svolge la stessa funzione del punto di valore

Torna ai contenuti | Torna al menu