Pulcinella - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pulcinella

Ascolto musicale > Ascolto sec. XX > Stravinskij

Igor Stravinskij
(1882-1971)

“Pulcinella” – “Gavotta prima e seconda variazione”


Contemporaneo di Arnold Schoenberg, Igor Stravinskij si contrappone al suo collega austriaco percorrendo un cammino totalmente diverso, ma non meno sperimentale. Pur non rinunciando alle novità, dopo la prima guerra mondiale decide di tornare a scrivere musica ispirandosi all’ordine e all’equilibrio delle espressioni settecentesche.
Il balletto “Pulcinella” (scritto tra il 1919 e il 1920), ispirato a musiche di Pergolesi (musicista italiano del XVIII secolo), appartiene ad una tendenza musicale dei primi del Novecento, detta Neoclassicismo, orientata verso uno stile musicale preromantico, ricco di ordine formale, razionalità e simmetria.
Oboi, flauti, fagotti, tromba e corni, eseguono, infatti, una gavotta francese (danza) in ritmo binario, affermatasi in Francia nel XVII secolo e ampiamente utilizzata dai maggiori compositori di quel periodo.
Ad aprire questo episodio della composizione è un oboe, accompagnato con suoni gravi dai fagotti e dai corni. Ecco il tema affidato all’oboe:



La seconda variazione segue direttamente la prima attraverso la voce solista bel flauto sostenuto da una serie continua di semicrome affidate alla voce penetrante del fagotto:





Video tratto da: http://www.youtube.com/watch?v=hj_gjncmyIc

Torna ai contenuti | Torna al menu