Linguaggio musicale - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Linguaggio musicale

Linguaggio musicale > Notazione ritmica

Chi non ha provato almeno una volta nella vita a costruire un puzzle cercando di unire quelle piccole ed apparentemente insignificanti tessere? E che soddisfazione nel vedere il lavoro finalmente concluso! Ebbene, una composizione musicale, che si tratti di una canzone o di una sinfonia non fa differenza, è come un grande puzzle e le note rappresentano le tessere di quel fantastico mosaico, senza le quali l’opera non potrebbe mai esistere. Sulla scia di questa considerazione non sarà certo difficile capire quanto la conoscenza delle note sia fondamentale per qualsiasi studio della musica. In questa sezione del sito scopriremo insieme che il linguaggio musicale si fonda su quei cerchietti vuoti o pieni che, posti sul pentagramma, indicano in modo inequivocabile l’altezza e la durata dei suoni, rappresentando con semplicità gli elementi basilari di quel fantastico mondo sonoro chiamato MUSICA. Sulla base di quanto sopraesposto possiamo dunque affermare che la scrittura musicale, definita notazione, può essere scissa nelle sue due componenti essenziali: la notazione ritmica, riguardante la durata dei suoni, e la notazione melodica, relativa invece alla scrittura delle diverse altezze.

Torna ai contenuti | Torna al menu