Le scale - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le scale

Comporre > Composizione
LA SCALA MUSICALE

Parlando di intervalli abbiamo citato la Scala di DO maggiore. Ma cos'è la scala musicale?

La scala musicale rappresenta la struttura portante dei brani oggetto dell'ascolto in classe o dell'esecuzione individuale  e collettiva. 

In pratica possiamo dire che essa rappresenta le fondamenta di ogni composizione musicale e, utilizzando con creatività e inventiva i suoni che la compongono, su di essa è possibile costruire un'idea musicale di senso compiuto. 
 
Come sono costruite al loro interno?
Com'è possibile ricavare da una scala un vero e proprio brano musicale?
Ma quante sono le scale musicali?

Cercheremo di rispondere a tutte queste domande con degli esempi pratici andando tuttavia a "limare" l'argomento di ogni inutile complessità. 
Diremo innanzitutto che il nostro modello di riferimento è rappresentato dalla scala di DO maggiore con tutti gli intervalli che la compongono: 

DO tono RE  / RE tono MI / MI semitono FA / FA tono SOL / SOL tono LA / LA tono SI / SI semitono DO


La scala di DO maggiore prende il nome dalla nota di partenza (DO) che, ovviamente, rappresenta anche il punto di arrivo della successione di note.  
Volendo costruire una scala partendo dal suono RE, avremo dunque: RE - MI - FA - SOL - LA - SI - DO - RE. Tuttavia, andando ad analizzare i toni e semitoni che separano le note della scala di RE maggiore, noteremo una successione degli stessi diversa rispetto alla scala di DO. Mettiamo dunque a confronto le due scale: 

DO tono RE     tono    MI   semitono  FA  tono SOL tono LA    tono     SI semitono DO
RE  tono MI semitono FA     tono     SOL tono  LA   tono SI semitono DO    tono    RE

Ebbene, chiamando d'ora in poi i suoni della sclala "gradi", diremo che gli intervalli che nella scala di RE non corrispondono a quelli della scala di DO, sono: 

  • II (secondo)  -  III (terzo)     grado (semitono anzichè tono)
  • III (terzo)     -   IV (quarto)   grado (tono anzichè semitono)
  • VI (sesto)     -   VII (settimo) grado (semitono anzichè tono)
  • VII (settimo) -  VIII (ottavo) grado  (tono anzichè semitono)

Per rimettere tutto in ordine e riprodurre anche sulla scala di RE maggiore gli intervalli presenti nella scala di DO, useremo dei simboli, detti alterazioni, che hanno la funzione di modificare di un semitono l'altezza delle note sulle quali vengono posti.
Tali simboli, chiamati diesis e bemolle, producono sulle note l'effetto indicato nello schema qui sotto: 

 Alza di un semitono l'altezza del suono

  abbassa di un semitono l'altezza del suono


Ponendo dunque un diesis sui suoni FA e DO della scala di RE maggiore, otterremo gli stessi intervalli presenti nella scala di DO, così: 

DO tono RE     tono    MI   semitono  FA  tono SOL tono LA    tono     SI      semitono    DO
RE  tono MI    tono   FA#  semitono SOL tono  LA   tono SI    tono   DO#    semitono    RE



In costruzione...

 



Torna ai contenuti | Torna al menu