La guerra di Piero - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

La guerra di Piero

Ascolto musicale > La canzone > De André

Fabrizio De Andrè
“La guerra di Piero”

Tra le canzoni di protesta che animarono le contestazioni giovanili del ’68, c’è “La guerra di Piero” di Fabrizio De Andrè. Questa ballata, scritta nel 1963, si affermò alcuni anni più tardi come inno pacifista e antimilitarista. Prendendo spunto dalla devastante esperienza di uno zio deportato nei campi di concentramento, De Andrè narra la storia di un soldato che, tornato per un attimo “ragazzo qualunque” in nome di una ritrovata umanità, sacrifica la propria vita nel folle e assurdo meccanismo della guerra. Il testo, scritto prevalentemente in endecasillabi (cioè formato da versi di undici sillabe con l’accento dell’ultima parola sulla decima sillaba del verso), si svolge su due temi musicali preceduti da un’introduzione affidata alla chitarra, che ritornerà più volte nel corso della canzone:



Sulle note dei due temi, che chiameremo “Tema A” e “Tema B”, si svolge la narrazione relativa alle diverse strofe:








TEMA A

Dormi sepolto in un campo di grano, non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall’ombra dei fossi,
ma sono mille papaveri rossi.



TEMA B



TEMA B

“Lungo le sponde del mio torrente
voglio che scendano i lucci argentati
non più i cadaveri dei soldati
portati in braccio dalla corrente.”

Così dicevi ed era d’inverno
e come gli altri verso l’inferno
te ne vai triste come chi deve,
il vento ti sputa in faccia la neve.

TEMA A

Fermati Piero, fermati adesso,
lascia che il vento ti passi un po’ addosso,
dei morti in battaglia ti porti la voce,
chi diede la vita ebbe in cambio una croce.



TEMA B



TEMA B

Ma tu non lo udisti e il tempo passava
con la stagioni a passo di “java”
ed arrivasti a varcar la frontiera
in un bel giorno di primavera.

E mentre marciavi con l’anima in spalle
vedesti un uomo in fondo alla valle
che aveva lo stesso identico umore
ma la divisa di un altro colore.

TEMA A

Sparagli Piero, sparagli ora,
e dopo un colpo sparagli ancora
fino a che tu non lo vedrai esangue,
cadere in terra a coprire il suo sangue.



TEMA B



TEMA B

“E se gli sparo in fronte o nel cuore,
soltanto il tempo avrà per morire,
ma il tempo a me resterà per vedere,
vedere gli occhi di un uomo che muore…”

E mentre gli usi questa premura
quello si volta, ti vede, ha paura
ed imbracciata l’artiglieria
non ti ricambia la cortesia.


TEMA A




TEMA A

Cadesti a terra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che il tempo non ti sarebbe bastato
a chieder perdono per ogni peccato.

Cadesti a terra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che la tua vita finiva quel giorno
e non ci sarebbe stato un ritorno.


TEMA B




TEMA B

“Ninetta mia, crepare di maggio
ci vuole tanto, troppo coraggio,
ninetta bella, dritto all’inferno
avrei preferito andarci d’inverno.”

E mentre il grano ti stava a sentire
dentro alle mani stringevi il fucile,
dentro alla bocca stringevi parole
troppo gelate per sciogliersi al sole

TEMA A

Dormi sepolto in un campo di grano,
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall’ombra dei fossi,
ma sono mille papaveri rossi.


In questa canzone narrativa, definita ballata, viene messa in risalto l’assurdità della guerra. De Andrè denuncia con rassegnazione la triste condizione del soldato visto come una micidiale “macchina da combattimento”: uccidere per non essere ucciso. Ed è proprio nel momento in cui Piero, esitando, sceglie di tornare ad essere semplicemente un ragazzo che rinuncia alla propria vita sull’altare di una logica perversa, figlia della guerra. Questa straordinaria canzone è dunque un netto “no” alla guerra, lo stesso “no” che diventerà negli anni Settanta un simbolo delle giovani generazioni.

Torna ai contenuti | Torna al menu