La cattedrale sommersa - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

La cattedrale sommersa

Ascolto musicale > Ascolto sec. XX > Debussy

Claude Debussy
(1862-1918)

Preludi per pianoforte
(brevi brani pianistici)
Preludio tratto dal primo libro: “La cattedrale sommersa”

Le opere di Claude Debussy si collocano tra Ottocento e Novecento rinnovando sostanzialmente il modo di scrivere la musica. Lo svolgimento musicale simmetrico, tipico della musica sinfonica classico-romantica, cede il passo ad atmosfere rarefatte, che, modificando le tecniche compositive e i contenuti espressivi, assegnano uno spazio sempre più preponderante all’uso delle dissonanze.
L’uso di accordi dissonanti, la frammentazione delle linee melodiche intese come svolgimento logico di un pensiero musicale, la rivisitazione delle forme, conferiscono alle composizioni di Debussy quel tipico carattere evanescente più volte ricondotto alle opere dei contemporanei pittori impressionisti.
La cattedrale sommersa è il decimo dei 24 preludi, contenuti in due libri, scritti dal musicista francese tra il 1909 e il 1913.
La descrizione musicale di Debussy si ispira ad un’antica leggenda della Bretagna (regione nel nord ovest della Francia): “in un lontano giorno, a causa della cattiveria degli uomini, una enorme quantità di acqua inondò completamente un piccolo paese e la sua chiesa. Da allora dei rintocchi di campane si odono in lontananza come severo monito contro ogni crudeltà umana”.
Il preludio si apre con rintocchi di campane affidati alla magica tastiera del pianoforte:



La fantasia creativa di Debussy descrive il sinistro suono delle campane con accordi di semibreve ripetuti nella prima e nella terza battuta di questo inizio “profondamente lento”. Le semiminime, anch’esse in forma di accordi, rappresentano invece i sordi rintocchi soffocati dalle acque.
Nella parte centrale si leva una melodia, interrotta, a tratti, dal suono delle campane.



L’atmosfera torna poi a chiudersi su se stessa, rievocando magicamente l’immagine della misteriosa cattedrale.
Nella sua produzione artistica Debussy non disegna l’opera musicale attraverso contorni netti e precisi, ma cerca di annotare le sensazioni della realtà che descrive. L’emotività dunque occupa lo spazio precedentemente destinato alla costruzione logica del pensiero musicale. Questa nuova sensibilità apre la strada a tutta una serie di innovazioni del linguaggio, che determineranno profondi cambiamenti in tutta la musica del XX secolo.


Video tratto da: http://www.youtube.com/watch?v=NsdIkUSjXv8

Torna ai contenuti | Torna al menu