Croma puntata - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Croma puntata

Linguaggio musicale > Notazione ritmica

Proviamo ad eseguire con il flauto le seguenti note:



L'attento esecutore avrà sicuramente riconosciuto la parte iniziale del nostro inno nazionale. Non sarà tuttavia sfuggito all'ascolto un particolare abbastanza evidente: l'esecuzione sembra leggermente diversa rispetto alla celeberrima melodia scritta dal compositore Michele Novaro nel lontano 1847.
Ma in che cosa è diversa rispetto all'originale?
Proviamo ancora ad eseguire “ad orecchio” la melodia dell'Inno di Mameli e successivamente confrontiamo le due trascrizioni:



Nella nostra esecuzione “ad orecchio”, in realtà, non abbiamo eseguito delle semplici crome, ma la figurazione ritmica indicata dalle frecce, nella quale, per ogni gruppo, la prima nota risulta più lunga rispetto alla seconda. In ogni caso, come avviene per le crome, entrambe le note devono essere eseguite su un colpo del metronomo, così:



Facendo riferimento alla quartina di semicrome, potremmo trascrivere la figurazione nel modo seguente:



Inserendo una legatura di valore sulle prime tre semicrome della nostra quartina, otterremo la scansione ritmica tipica del nostro Inno di Mameli e cioè otteremo una croma con il punto di valore seguita da una semicroma.
Il tutto, ovviamente, nell'ambito di un colpo del metronomo.

Esercizio di lettura:


Torna ai contenuti | Torna al menu