Colombina - Musica a Scuola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Colombina

Ascolto musicale > Ascolto sec. XX > Schoenberg

L'innovativa opera "Pierrot Lunaire" scritta da Arnold Schonberg nel 1912 utilizza il cosiddetto "Sprechgesang", canto parlato, in una tecnica musicale "atonale" che il musicista austriaco adotta a partire dai primi anni del Novecento e fino agli anni venti. L'innovativo canto parlato della voce recitante, accompagnato in modo dissonante dagli strumenti musicali, contrasta pienamente con il testo romantico e decadente delle poesie del francese Albert Giraud, nelle quali la figura di Pierrot rievoca la varietà dei sentimenti umani.
La poesia n. 2 "Colombina" rievoca un amore malinconico e impossibile che si strugge sotto i pallidi fiori della luce lunare.

                                                                                                                                                       

Colombina
(traduzione dal tedesco)

"I pallidi fiori della luce lunare
le rose bianche e miracolose,
fioriscono nelle notti di luglio.
Oh se potessi coglierne almeno una
per lenire il mio ansioso dolore!
Cerco nella scura corrente
i pallidi fiori della luce lunare,
le rose bianche e miracolose.
Il mio andare sarebbe appagato
se potessi, come per incanto,
beatamente e dolcemente togliere i petali
sui tuoi capelli bruni,
ai pallidi fiori della luce lunare.       

Video tratto da:http://www.youtube.com/watch?v=A1ppp0SCD0U

Torna ai contenuti | Torna al menu